L’attacco dei cloni

Tanto tempo fa in una galassia lontana lontana…

l-attacco-dei-cloniL’attacco dei cloni” è il secondo episodio (quinto in ordine cronologico) della saga Star Wars firmata George Lucas. Il film è ambientato 10 anni dopo gli eventi de “La minaccia fantasma“, quando la galassia è sull’orlo della guerra civile. Sotto la guida di un Jedi rinnegato di nome Conte Dooku, migliaia di sistemi planetari minacciano la secessione dalla Repubblica Galattica. Quando la senatrice Padmé Amidala, ex regina di Naboo, subisce un attentato, l’apprendista Jedi Anakin Skywalker è assegnato alla sua protezione, mentre il suo mentore Obi-Wan Kenobi viene incaricato di investigare sull’attentato. Presto, Anakin, Padmé e Obi-Wan si ritrovano nel cuore dei territori separatisti e all’inizio di una nuova minaccia per la galassia, le guerre dei cloni. Il film si addentra ancora di più nell’universo dei Jedi e in particolare nell’universo personale del giovane Skywalker. Il tenero amore proibito per Padmé intenerisce la trama e Naboo diventa un piccolo Eden, dove questo amore illecito può manifestarsi. Anakin, ormani un giovane Padawan (allievo Jedi), dimostra le sue grandi doti, risultando spesso arrogante e irrispettoso, caratteristiche negative per un Jedi. La paura possiede il suo cuore sempre di più, e quando con l’aiuto di Padmé decide di andare sul suo pianeta natale per incontrare sua madre e la trova schiava e morente, succede l’inevitabile: il giovane Jedi commette un genocidio, uccidendo la popolazione che aveva fatto schiava sua madre. Da qui inizierà un circolo vizioso di peccato che attanaglierà sempre più il cuore di Anakin. Paura, odio, rabbia sostituiranno i valori che ogni Jedi deve perseguire. Il film così si carica di forti sentimenti che rapiscono lo spettatore spingendolo a continuare la saga. La trama anche stavolta non è della più spettacolari, ma decisamente di alto livello.

Voto e commento: ★★★★☆

Un episodio intessesante: una storia d’amore impossibile, una trama che si infittisce sempre più e la spettacolarità che accompagnano questa serie sono un cocktail perfetto. La trama può sembrare scontata o banale ai fini propri del film, ma guardata in seno alla storia risulta fondamentale per introdurre i successivi capitoli. Purtroppo George Lucas ha dovuto pagare lo scotto di una storia iniziata dalla fine e il mero spazio di tre episodi per introdurre la serie. La storia d’amore è forse un po’ iperbolizzata e esasperata, risultando un po’ plastica, anche se quest’aspetto passionale è invece importantissimo ai fini dei comportamenti di Anakin nell’episodio succesivo. Cosiglierei comunque la visione di questo capitolo non come film a sè sestante, ma sempre in modo consequenziale al primo. Nulla toglie al fatto che sia in ogni caso un film degno di nota.

Spero che continuiate questa saga e vorrei sapere le vostre impressioni sul fim.

Detto ciò, che la forza sia sempre con voi!

I commenti sono chiusi.