L’età dei miracoli

Ho letto questo romanzo forse più di un anno fa e grazie a questo spazio ho l’opportunità di parlarne.

l-eta-dei-miracoli-thompson-walker-mondadori-280x419L’età dei miracoli” è il primo romanzo di Karen Thompson-Walker, una scrittrice statunitense che, con lo stesso fascino di un film Hollywodiano, ci inserisce in un mondo sull’orlo di una catastrofe che purtroppo non si può fermare. Julia ha dodici anni quando la terra inizia a rallentare la sua rotazione, prima di sei minuti, poi dodici, poi ventiquattro, fino a quando il giorno si allunga oltre le cinquanta ore, cambiano le leggi della gravità, gli uccelli smettono di volare, compare una nuova malattia chiamata sindrome da rallentamento. La terra inizia a cambiare e Julia con lei. E mentre il mondo impaurito si divide tra coloro che continuano a seguire le ventiquattro ore e quelli che si regolano con la luce del sole, Julia cerca di trovare il proprio posto nonostante tutto: nonostante un migliore amico che decide di non vederla più, nonostante le crepe nel matrimonio dei suoi genitori e le paranoie del nonno stravagante, e poi ancora la solitudine, l’adolescenza con tutti i suoi turbamenti, quell’età dei miracoli piena di paura ed eccitazione, e un ragazzo di cui innamorarsi davvero. Intanto il rallentamento, inesorabile, continua. Al limite tra l’apocalittico e il fantascientifico questo romanzo rapisce il lettore in modo vorace. La lettura è scorrevole e presenta una attenta analisi psicologica dei personaggi. Inserire delle persone comuni in contesto apocalittico e studiarne il comportamento è la nota vincente del romanzo, realistico e ben curato anche nell’aspetto scientifico del fenomeno. Nonostante la protagonista abbia solo docici anni facilmente ci si può impersonare in lei che rappresenta il manifesto dei cambiamenti che caratterizzano quell’età, che ognuno ha dovuto affrontare. Una terra che cambia, un corpo che cambia, un connubio perfetto e terribile. Allora così come Julia è costretta ad accettare che si sta trasformando, così l’uomo dovrà adattarsi nella speranza di sopravvivere.

Voto e commento: ★★★★★

Un romanzo ricco, appassionante e profondo. Un mix perfetto. La duplice veste della storia (apocalittica e adolescenziale), unite all’analisi su una società che sta cambiando, fanno di questo racconto un romanzo adatto a tutti. La cura certosina di ogni dettaglio scientifico riguardante il rallentamento e la reazione dell’umanità a questa situazione rendono questo romanzo un vero e proprio esperimento sociale. Consiglio vivamente questa lettura a qualunque pubblico data la diversità dei temi di cui tratta, come una piccola pillola di saggezza, crescita ed ecologia in un mondo che ogni giorno vive l’età dei miracoli.

Cosa ne pensate delle storie apocalittiche? Fatemi sapere un commentino!

A presto!

I commenti sono chiusi.